Home || Chi Siamo || Dove Lavoriamo || Storia || Aiutaci || Contattaci || Español || VOLONTARI
Dove Lavoriamo

C'era una volta il Chaco...

un territorio immenso che con la creazioni degli stati moderni (1825) è stato spartito senza alcun rispetto per i suoi abitanti in quattro parti: Bolivia, Argentina, Paraguay e Brasile.

Essendo questo territorio inospitale per i non nativi, si era mantenuto libero dagli invasori europei, inoltre il metodo difensivo indigeno utilizzò sempre un tipo di guerriglia che, sfruttando l'ambiente amico, risultò vincente contro il sistema di guerra usato dagli eserciti invasori.

Image

Nel secolo scorso fu scenario di guerre per la conquista dei giacimenti petroliferi da parte delle varie multinazionali (Shell, Galf, Standard Oil, ecc.) che fecero schierare i figli dello stesso territorio delle "nuove patrie" a massacrarsi gli uni con gli altri per gli interessi stranieri.

I popoli indigeni del territorio specialmente il popolo Guaranì, emigrarono cercando protezione come stranieri nel loro stesso territorio, diviso ad arte per debilitare la forza dell'unione del popolo indigeno.

Image

Lo sfruttamento del petrolio esercitato dallo stato boliviano con la nazionalizzazione (1937), solo apparentemente fu a vantaggio della nazione, perché tutto fu esportato senza nessun controllo a vantaggio dei signori della guerra e delle poche famiglie o militari dei governi di turno.

Il governo di Sanchez de Losada (1998-2003), rispondendo alla politica della Banca Mondiale della globalizzazione e del neoliberalismo, coniando la parola "capitalizzazione" privatizza per decreto non solo il petrolio, ma il nuovo prodotto agognato da tutti i paesi vicini, inclusi gli Stati Uniti: il Gas.

Come diceva Che Guevara, "... ci vorrebbe un partito grande degli indios" e avendo l'opportunità nel '53 a la Paz di vederli all'opera disse "...gente che ci sa fare con la rivoluzione".

La sua intuizione  risultò veritiera.

Con la forza e la capacità d'isurrezione hanno vinto la guerra dell'acqua in Cochabamba; nell'ottobre del 2003 hanno fatto scappare a gambe levate il presidente Sanchez de Losada con tutto il suo governo, rifugiandosi negli Stati Uniti.