Home || Chi Siamo || Dove Lavoriamo || Storia || Aiutaci || Contattaci || Español || VOLONTARI
Le Missioni

I primi missionari arrivarono nella zona della Cordigliera alla fine del XVI secolo.

Nel XVII le attività dei missionari si rafforzarono, dopo la morte di alcuni francescani e gesuiti, creando di una casa centrale di missionari a Tarija (1690).

Tra il 1762 e il 1767 i francescani fondarono altre missioni, nella parte di Chuquisaca, Tarija, Avapo, Masavi-Saipuru e Gran Parapetí.

 

La Missione

Lo scopo dei missionari era quello di convertire gli indigeni alla fede critiana e concentrarli in villaggi chiamati Riduzioni, dove si insegnavano il catechismo, i doveri religiosi, l’aritmetrica, e si incentivava l’agricoltura e l’allevamento del bestiame.

In molte occasioni gli indigeni rifiutavano il legame con i misionari, perché nelle loro comunità disponevano di risorse sufficienti per vivere liberi e indipendenti: inoltre si richiedeva la monogamia cosa che i capi chiriguano rifiutavano.

 Comunidad Guaranì

D’altra parte, i proprietari delle aziende agricole desideravano che i missionari educassero i chiriguano, per poi farne peones e servi.

Gli indigeni ricorrevano ai servizi dei missionari in alcuni casi:

  • per evitare, con il battesimo, che i bambini in pericolo di morte, morissero;
  • per risolvere alcuni conflitti sorti all’interno delle comunità;
  • per difendere alcune comunità da altre nazioni;
  • per chieder loro di fare da intermediari in liti o gravi situazioni dinanzi alle autorità spagnole.

Generalmente i missionari erano ben accetti; ma quando giungevano nelle comunità i guaraní si riunivano in assemblee per valutare se lasciarli insediare o meno.

Missionari 

Se però rimanevano più del tempo necessario, ecco che sorgevano dubbi e sospetti nei nativi, provocati in loro dagli «ipaje» che vedevano minacciato il loro potere all'interno della comunità.